E’ nato il distretto del lusso in Sicilia per attrarre investimenti esteri,Lavoro, le aziende cercano comis di sala, comis di cucina e cuochi:chi cerca lavoro invii il cv a segreteria@fondazionelavoro.it

Andrea Gumina, presidente del nuovo distretto “Sicily Luxury Hospitality”, presentato oggi al Travelexpo Borsa Globale dei Turismi di Terrasini, ha spiegato che l’iniziativa nasce per rispondere “alla forte richiesta di vacanza di lusso in Sicilia che arriva dal resto del mondo. Lusso vuole dire massima qualità, il nostro sistema garantisce questi standard e la nostra iniziativa pone a questa terra non solo una grande opportunità, ma anche una forte necessità di formazione degli operatori e delle figure professionali. Terza caratteristica è quella della capacità di attrarre investimenti dall’estero”.

Gumina ha annunciato che, tramite un programma promozionale che vede protagonista il viaggio della nave “Amerigo Vespucci” in vari Paesi del mondo per presentare le eccellenze italiane, il 28 giugno il distretto sarà presentato alla comunità di Los Angeles. Infine, gli Stati generali del turismo di lusso si terranno il 30 e 31 ottobre a Taormina. Il 24 aprile si svolgerà la prima assemblea del distretto con la partecipazione del resto della Rete a Villa Riso a Palermo.

E proprio il lavoro è il secondo pilastro dell’allungamento delle stagionalità turistiche. A Travelexpo è nato un network per aiutare le imprese a trovare le vecchie e nuove figure professionali di cui hanno bisogno, tra Fondazione nazionale consulenti per il lavoro, Fondazione Archimede Its Academy di Siracusa e Aiptoc. Specialisti delle esperienze culturali, event manager o travel designer: sono solo alcune delle nuove professioni che si vanno affacciando nel mondo del turismo. Eppure le figure più richieste in Sicilia per questa stagione turistica ormai ai nastri di partenza sono il comis di sala, comis di cucina, cuochi, governante e personale ai piani. Non a caso, Vincenzo Silvestri, presidente nazionale Fondazione consulenti per il lavoro, da Travelexpo ha lanciato l’idea di raccogliere le candidature dei comis di sala, comis di cucina e cuochi in cerca di lavoro. Gli interessati possono inviare i propri CV a segreteria@fondazionelavoro.it

A favorire il dialogo tra mondo della formazione e del lavoro sono gli Its Academy, che operano nell’ambito dell’istruzione terziaria. In questo senso, Giovanni Di Mauro, direttore generale ITS Academy Fondazione Archimede di Siracusa, che nell’ottobre 2024 aprirà una sede anche a Palermo e ad Agrigento, ha spiegato che “secondo dati Unioncamere, nei prossimi 4 anni saranno richiesti 3,5 milioni di nuovi occupati, e il turismo, insieme al commercio, è il settore  che assorbirà il 20% del fabbisogno complessivo italiano”. 
Dopo aver elencato una serie di professioni emergenti nel campo del turismo relative in particolare alle esperienze, Ignazio Caloggero, presidente dell’Associazione Italiana professionisti del Turismo e Operatori Culturali, ha sottolineato come tutte le nuove figure emergenti non siano regolamentate. Per provare a inserirle in un quadro normativo, è possibile fare riferimento al dcpm 14 ottobre 2021 che definisce cosa è un professionista: chi è iscritto in un ordine, chi ha un attestato alla legge 4/2013, chi ha una certificazione UNi.

Si tratta di formare, riconoscere, selezionare e fare incontrare con le aziende

figure emergenti nei settori enogastronomici, benessere, culturale, cammini, radici, made in italy, manager e operatori del turismo nelle sue varie declinazioni: manager della destinazione, manager del settore enogastronomico e del turismo delle radici, soprattutto ora che è l’anno del turismo delle radici, professionisti del settore museale ed eco museale, curatore di mostre (con specializzazione di mostre immersive), cultural event manager. Altre figure: addetti all’accoglienza e ai servizi turistici, esperti di marketing e travel designer, esperti delle nuove tecnologie applicate al settore turistico (intelligenza artificiale e realtà aumentata).

nella foto, da sx, Ignazio Caloggero, Michele Guccione, Giovanni Di Mauro e Vincenzo Silvestri.